Menu

Giorno 1

Marzo 4, 2016 - Come conquistare una ragazza
Giorno 1

The Game: Giorno 1

Migliorare la confidenza in sé stessi

Missione 1: 

Valuta te stesso.

Hai bisogno di un corso di fitness?

Hai bisogno di dare un occhio i tuoi bilanci finanziari? 

Per rinnovare la tua vita sociale, è necessario effettuare una valutazione sociale di te stesso.

La tua prima missione è quella di scrivere le risposte alle seguenti domande.

Non preoccuparti di cosa gli altri penseranno delle tue risposte. L’obiettivo è quello di essere il più onesto con te stesso possibile.

1. Scrivi una o due frasi che descrivono come pensi che le altre persone attualmente ti vedono.

2. Scrivi una o due frasi che descrivono come desideri essere visto dagli altri.

3. Elenca tre dei tuoi comportamenti o caratteristiche che desideri cambiare in te.

4. Elenca tre nuovi comportamenti o caratteristiche che desideri adottare.

Missione 2

Prima di entrare nel campo da gioco, è necessario eliminare qualsiasi credenza che ci limita quando cerchiamo di interagire con le donne.

Il tuo prossimo compito è quello di leggere il manifesto dal titolo “le catene che limitano,” che si trova nel briefing della prima giornata (in basso).

Missione 3

Operazione “Due parole”:  Il tuo primo incarico in campo: fare quattro chiacchiere con cinque sconosciuti oggi.

Non importa se sono maschio o femmina, giovane o vecchio, amichevole o ostile. Puoi parlare con un uomo d’affari in strada. una vecchia signora in fila al supermercato, una hostess in un ristorante, o una persona senza fissa dimora.

L’obiettivo è semplicemente quello di avviare una conversazione, con nessun altro intento che riempire il silenzio con una domanda o facezia.

La conversazione non deve durare più di un commento e una risposta.

Se scambiare due chiacchiere non ti viene spontaneo, leggi i titoli delle notizie prima di lasciare casa.

Argomenti di piccola conversazione includono:

Ricorda: La risposta non ha importanza.

Se ricevi una lunga storia o un grugnito superficiale in risposta, hai completato la missione semplicemente aprendo la bocca e parlando con uno sconosciuto.

Briefing giorno 1 – Le catene che limitano

Quando si trattava di incontrare le donne, il mio più grande nemico ero me stesso. Guardavo me stesso allo specchio- 1,60, bianco, pelle e ossa. Calvo. e avevo un grande naso – e credevo di non poter competere con tutti quei ragazzi di bell’aspetto là fuori.

Ero così infelice che avevo considerato la chirurgia plastica.

Ma una volta che ho iniziato ad avvicinare donne nelle strade, bar, club e caffetterie, ho scoperto che in realtà l’aspetto non conta tanto quanto avevo pensato.

Fintanto che fossi stato ben curato, tutto quello che dovevo al fine di attrarre qualunque donna volessi era la giusta personalità.

Anche se ora sono nominato dai media come il migliore artista del rimorchio in tutto il mondo, una cosa che ho capito è che non avevo bisogno di cambiare il modo in cui ero guardato.

Stavo facendo bene.

In realtà, io di solito avevo più possibilità di avvicinarmi ad una ragazza rispetto a ragazzi con grandi muscoli, modelli, mascelle quadrate e addominali scolpiti, perché ero molto meno intimidatorio di loro. In questo modo non finivo sotto il radar di attenzione.

Alla fine, poi, il mio problema non era il mio aspetto, ma le mie credenze limitanti circa il mio aspetto. Una credenza limitante è qualcosa che pensi su di te, le altre persone, o il mondo. In pratica, ogni volta che ci si dice che si non si può fare qualcosa che è all’interno del regno della possibilità umana, c’è una catena che limita.

Sfatare convinzioni limitanti è molto semplice: basta chiedere a te stesso, c’è mai stato un momento in cui [inserire la tua credenza limitante]. Ad esempio, se ritieni che sei a disagio quando in giro ci sono belle donne, poniti la seguente domanda: “C’è mai stato un tempo in cui ero a mio agio vicino ad una bella donna?

Nomina solo quel periodo, e hai smentito la tua credenza limitante.

Quasi tutti siamo frenati da qualche credenza limitante, consapevole o meno.

Quindi, prima di mandarti in giro per le strade a parlare con gli sconosciuti, cerchiamo di sfatare alcune delle più comuni credenze limitanti sugli incontri.

Convinzione limitante: Se parlo con lei, mi ignorerà – o, peggio ancora, chiederà cosa voglio da lei e questo mi metterà in imbarazzo.

Realtà: Ecco qualcosa che potrebbe sorprenderti: Più difficile è per te avvicinare le donne, meno probabile è che verrai bruscamente respinto.

Questo perché la maggior parte delle persone rispondono educatamente ad una domanda posta in maniera gentile e cortese, a meno che non si sentono minacciati (e un ragazzo timido non intimidirebbe o minaccerebbe mai nessuno).

La cosa peggiore che potrebbe accadere è che la donna educatamente dirà che sta avendo una conversazione privata, o semplicemente si scuserà per andare in bagno.

Se ti fai pensieri negativi e “cosa – se” nella tua testa, questo è dannoso per la tua emotività e salute.

Invece, prova ad uscire di casa e iniziare ad affrontare le donne, e scoprirai che la maggior parte delle cose che immagini possano succedere di brutto, accadranno raramente o non accadranno affatto.

Convinzione limitante: Le persone mi guardano, mi giudicano, o si prendono gioco di me.

Realtà: Questa convinzione è vera solo in parte. La gente può notarti, ma non ti stanno necessariamente giudicando (la maggior parte di loro sono troppo occupati a preoccuparsi di quello che gli altri stanno pensando di loro).

Una volta che ti rendi conto che la maggior parte delle persone sono come te (e che stanno in realtà cercando l’approvazione degli altri), potrai diventare socialmente “coraggioso”.

Inoltre, la maggior parte di coloro che vedono qualcun’altro approcciare una ragazza o un gruppo, assumono che quelle persone si conoscano tra loro.

Quindi, capire cosa succede, non solo permette di alleviare le tue preoccupazioni su ciò che tutti gli altri stanno pensando di te, ma renderà anche il tuo approccio ancora più efficace.

Convinzione limitanteLe donne non sono attratte da bravi ragazzi. A loro piacciono i ‘bad boys’.

Realtà: Questo è uno dei più antichi miti sulla seduzione. E, per fortuna, è impreciso.

La dicotomia non è in realtà tra i bravi ragazzi e cattivi ragazzi. Ma è in realtà tra ragazzi deboli e ragazzi forti.

Le donne sono attratte da uomini che dimostrano la forza (non necessariamente fisica, ma come capacità di farle sentire al sicuro). Quindi, se sei un bravo ragazzo, per loro è anche meglio. Ma devi essere soprattutto forte.

Tuttavia, assicurati di sapere cosa significa “bellezza”. La maggior parte dei ragazzi che definiscono se stessi come “troppo bello” lo fanno solo perché vogliono l’approvazione di tutti e che nessuno pensi male di loro.

Quindi non confondere essere timoroso e debole mentalmente con l’essere gentile.

Convinzione limitante: io non sono bello, ricco, famoso abbastanza per stare con una bella donna.

Realtà: Ci sono un sacco di rock star e multimilionari che hanno esattamente lo stesso problema con le donne. Lo so perché ho allenato molti di loro. E, nel processo, ho imparato che i soldi e il successo (per quanto rendano le cose più semplici) non sono effettivamente necessari.

Fortunatamente per gli uomini, il nostro modo di apparire non importa quanto il modo in cui ci presentiamo.

E questo richiede soltanto essere fiduciosi in se stessi, avere un bell’abbigliamento, costruirsi un’identità attraente.

Quando si tratta di ricchezza e successo, semplicemente mostrando il desiderio e la capacità di poterli raggiungere, per loro può essere altrettanto potente come attrazione.

Molte donne sono attratte da uomini con obiettivi e potenzialità. I prossimi dieci giorni, li passeremo migliorando il tuo aspetto.

L’ obiettivo è quello di aumentare il potenziale percepito di noi stessi.

Convinzione limitante: C’è questa ragazza …

Realtà: Ci sono milioni di donne incredibili in questo mondo. Se sei fissato con una particolare ragazza che non riesci a far uscire dalla tua mente (e lei non ha condiviso con te sentimenti), allora devi riconoscere che non è amore quello che provi, ma ossessione. E che l’ossessione è molto probabile che possa spaventarla e farla scappare via.

La cosa migliore che puoi fare per te stesso e per lei è quella di uscire e interagire con il maggior numero di donne possibile, fino a quando non ti rendi conto che c’è un sacco di gente fuori lì per te (tra cui quelli che sono in grado di riconoscere il tuo valore e contraccambiare i tuoi sentimenti).

Convinzione limitante: Alcuni ragazzi sono nati con la capacità di affascinare e sedurre le donne. Altri ragazzi semplicemente non la hanno e mai la avranno.

Realtà: Per fortuna, c’è un terzo tipo di ragazzo; quello che può imparare. Questo sono io, e una volta capito come l’arco di attrazione funziona, potrai essere anche tu.

I problemi che si riscontrano nella vita sociale non sono il risultato di chi sei, ma di quello che stai facendo e come ti stai presentando agli altri. Questi problemi possono risolversi tranquillamente, con un po’ di allenamento e di pratica.

Se segui bene questo programma, e fai tutte le missioni, diventerai anche meglio nell’arte della seduzione rispetto a quelli che avevano questa dote “naturale” e che prima invidiavi.

Convinzione limitante: Tutto quello che devo fare è “essere me stesso”, e alla fine incontrerò la donna giusta che mi piace.

Realtà: Questo è vero e funziona soltanto se sai esattamente chi sei, quali sono i tuoi punti di forza, e come trasmettere agli altri il meglio di te.

Il più delle volte, questa affermazione è usata come una scusa per non migliorare.

Ciò che la maggior parte di noi presenta al mondo non è necessariamente il nostro vero “sé”. E ‘una combinazione di anni di cattive abitudini, e di paura. Le nostre catene limitanti sono sepolte sotto tutte le insicurezze e inibizioni.

Quindi, piuttosto che essere te stesso devi concentrarti alla scoperta del tuo lato migliore, e a portare in superficie il meglio di te.

Convinzione limitante: per capire cosa vogliono le donne, basta chiederlo a loro.

Realtà: Questo può essere vero a volte, ma non così spesso come molte persone pensano. Non è stato fino a quando ho iniziato a conoscere comportamenti che sembravano controintuitivi che ho scoperto un principio fondamentale del gioco:

Quello che le donne vogliono non è necessariamente ciò che rispondono.

Per di più, quello che le donne dicono di volere non è quello che poi vogliono in un rapporto. E non è sempre ciò che le attrae durante il periodo di corteggiamento. Detto ciò, la maggior parte delle donne ti darà le informazioni che vuole darti su di lei, ma lo farà tra le righe.

Convinzione limitante: se mi avvicino ad una donna, lei saprà che ci sto provando con lei e penserà male di me

Realtà: Questo è vero solo in parte – le donne pensano a difendersi solo quando gli uomini che le avvicinano sono intimidatori. Questo include gli uomini che le mettono a disagio, che sono scortesi, o che sembrano essere troppo sottomessi.

L’errore più grande che un uomo possa fare con una donna è inviarle degli indicatori di interesse (IDI) e provarci prima che lei sia attratta da lui.

E anche se questa è la tecnica utilizzata dalla maggior parte degli uomini, è un errore che potrai evitare se seguirai tutte le missioni quotidiane che ti verranno assegnate nel corso di questa guida al rimorchio.

Poche donne non sono contente quando incontrano qualcuno che è caldo, divertente, sincero, interessante, coinvolgente, le fa stare tranquille, e non ha intenzione di restare a parlare a lungo.

Convinzione limitante: alle donne non piace il sesso tanto quanto agli uomini. Sono per lo più interessate ad avere un rapporto.

Realtà: Se credi questo è perché non hai ancora speso abbastanza tempo con le donne. Qui ti mostro alcuni fatti che possono aiutarti a scacciare questa convinzione: Sono le donne, raramente gli uomini, che in un orgasmo raggiungono il massimo piacere sessuale: il clitoride, che ha il doppio del numero di terminazioni nervose rispetto al pene di un uomo.

E sono le donne, non gli uomini, i cui orgasmi possono durare anche più di un minuto. La maggior parte degli uomini hanno solo un orgasmo, e poi perdono la loro eccitazione. La maggior parte delle donne possono avere orgasmo dopo orgasmo, e di molti tipi: clitoride, vaginale, mescolato, tutto il corpo, e psichico). 

In pratica, il buon sesso è ancora migliore per le donne di quanto lo sia per noi. Quindi non ha senso che lo vogliano di più?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

css.php